Codici segreti, algoritmi, decrittazioni sono parole da film d’azione che ci riportano al presente, ma ci fu un generale romano (a caso) che tra i primi utilizzò un codice crittografico per evitare che gli ordini cadessero nelle mani dei suoi nemici.

IL CIFRARIO DI CESARE

È proprio Svetonio, nella Vita dei Cesari, a raccontarci come il generale romano utilizzava per la sua corrispondenza riservata un cifrario monoalfabetico dove ogni lettera veniva sostituita dalla lettera che la seguiva di tre posti nell’alfabeto.

… si qua occultius perferenda erant, per notas scripsit, id est sic structo litterarum ordine, ut nullum verbum effici posset: quae si qui investigare et persequi velit, quartam elementorum litteram, id est D pro A et perinde reliquas commutet

Svetonio – Vita dei Cesari

Nel cifrario di Cesare la chiave segreta era quindi un numero, il numero che indicava di quanti caratteri veniva traslato l’alfabeto per riscrivere il messaggio (traslitterazione 3).

  • l’alfabeto – A B C D E F G H I L M N O P Q R S T U V Z
  • diviene – D E F G H I L M N O P Q R S T U V Z A B C

Sempre secondo Svetonio, Ottaviano Augusto sostituiva la A con la B, la B con la C fino all’ultima lettera dell’alfabeto, la X che veniva sostituita con la doppia A.

Busto di Giulio Cesare
Busto di Giulio Cesare

IL BIMILLENARIO E UN TERRITORIO DA SCOPRIRE

Con l’evento del 22 marzo inizieranno ufficialmente le celebrazioni per il Bimillenario della morte di Germanico Cesare, le attività proseguiranno poi per tutto l’anno – con il Convegno Internazionale del 24-25 maggio e poi con la Mostra a partire dal 19 ottobre, data della morte del generale romano.
Il territorio Amerino, ricco di contenuti tra storia, arte, spiritualità ed enogastronomia è pronto ad accogliere tutti coloro che vorranno raggiungere la nostra Umbria e scoprire le terre di Amelia.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *