Alla notizia della morte, avvenuta il 10 ottobre del 19 d.C., Roma cadde nella costernazione e pianto perché Germanico Cesare non godeva della sola popolarità delle sue legioni ma era amato dal popolo tutto e, con questo, si giustificano le onoranze rilevanti che gli furono decretate tra cui la costruzione di statue – come il Germanico d’Amelia – in tutte le città dell’impero, e l’erezione di archi a suo ricordo: tre soltanto a Roma

GERMANICO E L’ARCO DI SPOLETO

…tanta era in lui l’umanità verso gli alleati e la clemenza verso i nemici; l’aspetto e le parole di lui ispiravano eguale profondo rispetto, perché, pur serbando l’austera solennità del suo grado, aveva saputo evitare l’impopolarità e l’arroganza

Tacito – Annales II, 72

Oltre ai tre citati archi edificati nel’Urbe, troviamo archi in tutto l’impero.

L’arco costituiva la porta d’ingresso monumentale al foro della città attraverso l’antica via  Flaminia scavalcando il cardo massimo.

Uno dei meglio conservati è quello che si erge di fianco la Chiesa di Sant’Ansano a Spoleto, la romana Spoletium, che fu eretto nel 23 d.C. dal senatus del municipio locale in onore sia di Germanico che di Druso minore – alla morte di quest’ultimo.

Antico arco romano di Druso minore e Germanico Cesare a Spoleto
Arco di Druso e Germanico /// Spoleto

[GERM]ANICO CAESARI TI(beri) AUGUST[I F(ilio) DRUS]O CA[ESARI TI(iberi) AUGUSTI F(ilio)] [DIVI]AUGUSTI N(epoti) DI[VI I]ULI PRO N(epoti) DIVI AUGUST[I N(epoti) DIVI IULI PRO N(epoti)] [CO(n)S(uli) II] IMP(eratori) II AUG(uguri) FLAMINI AUG(usti) CO(n)S(uli) II TRIB(unicia) POT(estate) II PO[NT(ifici)] EX S(enatus) C(consulto)

Iscrizione sull’arco di Druso e Germanico a Spoleto
Particolare con iscrizione dell'arco di Druso e Germanico a Spoleto
Arco di Druso e Germanico – Particolare dell’iscrizione /// Spoleto

24 MAGGIO, STEFANO TORTORELLA DESCRIVE GLI ARCHI DEDICATI A GERMANICO CESARE

Venerdì 24  maggio, alle ore 12.30 presso il Museo Archeologico di Amelia, il dottor Stefano Tortorella dell’Università La Sapienza di Roma, presenterà “Archi dedicati a Germanico”.

Oltre alla dott. Tortorella, tantissimi studiosi si incontreranno il 24 e 25 maggio presso il Museo Archeologico di Amelia per un programma complessivo che tratterà della figura del condottiero e della statua bronzea di Amelia.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *